VIDEO. Lo zoccolo duro è la forza della Salernitana. DespAcito grAnAtA

VIDEO. Lo zoccolo duro è la forza della Salernitana. DespAcito grAnAtA

Quando la qualità conta più della qualità. Ormai è inutile fare appelli, rifarsi ad un’epoca che non esiste più o aspettarsi una tifoseria riconoscente nei confronti della società per la rosa allestita o dei calciatori che stanno dando l’anima per la maglia granata. Lo zoccolo duro è la vera forza della Salernitana, quel dodicesimo uomo

Quando la qualità conta più della qualità. Ormai è inutile fare appelli, rifarsi ad un’epoca che non esiste più o aspettarsi una tifoseria riconoscente nei confronti della società per la rosa allestita o dei calciatori che stanno dando l’anima per la maglia granata. Lo zoccolo duro è la vera forza della Salernitana, quel dodicesimo uomo in campo che ogni anno aggiunge tanti punti in più alla classifica e che anche ieri ha dato un grosso contributo rendendo il clima incandescente e trascinante pur con tanti spazi vuoti. Halloween e l’orario rappresentano una scusa: la Salernitana ha giocato di domenica alle 15 e alle 17, di sabato, di sera e in anticipo senza mai far registrare un numero di spettatori degno del blasone della piazza, unica per coreografie e senso di appartenenza, ma ancora troppo distante dalla squadra del cuore in un anno che invece andrebbe vissuto con totale trasporto emotivo. La curva Sud e gli irriducibili di distinti e tribuna, però, se ne fregano altamente degli assenti, coloro che tra qualche mese e magari con una classifica ancora migliore si riscopriranno tifosissimi e innamorati per salire su quel famoso carro che, al contrario, dovrebbe ospitare solo chi c’è sempre stato e che applaudì la squadra anche dopo lo 0-4 di Benevento. Le immagini che vi mostriamo- tratte dalla pagina facebook TuttoSullaSalernitana- non hanno bisogno di ulteriori commenti. Qualità e non quantità. 8000 veri tifosi incidono, cantano e spingono più di 20mila occasionali dal palato fine che fischiano al primo passaggio sbagliato e che a stento riconoscono i calciatori. L’unione con i sempre presenti farà la differenza. L’Arechi sta tornando ad essere un fortino. Per vedere il video integrale

    clicca qui

Altre News