Venezia, gli ex granata: “Arechi vuoto un vantaggio, sono i migliori”

Venezia, gli ex granata: “Arechi vuoto un vantaggio, sono i migliori”

Il prossimo 30 marzo torneranno all’Arechi, ma non ritroveranno quello stadio determinante e trascinante che avevano imparato ad ammirare sin dai primi allenamenti. Per Riccardo Bocalon e Alessandro Rossi un’emozione a metà, ma anche un grande vantaggio. Il golden boy scuola Lazio, che avrebbe meritato più spazio per le qualità che ha sempre dimostrato, ha

Il prossimo 30 marzo torneranno all’Arechi, ma non ritroveranno quello stadio determinante e trascinante che avevano imparato ad ammirare sin dai primi allenamenti. Per Riccardo Bocalon e Alessandro Rossi un’emozione a metà, ma anche un grande vantaggio. Il golden boy scuola Lazio, che avrebbe meritato più spazio per le qualità che ha sempre dimostrato, ha detto quanto segue: “Sono orgoglioso di aver vestito la maglia granata e di aver giocato nel migliore stadio della B a cospetto di una tifoseria straordinaria che mi ha accolto benissimo e che ha sempre dato una grossa mano alla squadra. Sicuramente è un vantaggio per il Venezia andare a Salerno in un clima meno caldo di quello che conosciamo. Lì ho mosso i primi passi da calciatore tra i professionisti e sarò sempre grato a tutti. Spero di esserci dopo l’infortunio piuttosto serio rimediato nelle scorse settimane. Mi dispiace per l’esonero di Zenga, ora siamo tutti a disposizione di Cosmi e stiamo lavorando specialmente sulla componente mentale”.

Di avviso simile anche Riccardo Bocalon: “Sono stato contento di giocare a Salerno, ma nel mio cuore e nella mia mente ore c’è solo il Venezia. Ho saputo che ci sarà contestazione, probabilmente si aspettavano di più dopo l’ottimo avvio di stagione. Sono certo che i miei ex compagni entrano sempre in campo per dare il massimo. I ricordi? Mi hanno accolto benissimo, l’Arechi è per davvero il dodicesimo uomo e la passione dei salernitani è una componente importante”.

Altre News