L’Arechi resta vuoto, triste spaccatura. Patron assenti e silenzio stampa

L’Arechi resta vuoto, triste spaccatura. Patron assenti e silenzio stampa

Altro che distensione: il clima tra i tifosi è sempre più teso. Da un lato appena 2900 persone che hanno deciso di assistere alla partita sugli spalti (ben 3000 abbonati sono rimasti a casa, qualcuno ha addirittura strappato il carnet postando la foto sui social), dall’altro un centinaio tra ultras, club organizzati e singoli tifosi

Altro che distensione: il clima tra i tifosi è sempre più teso. Da un lato appena 2900 persone che hanno deciso di assistere alla partita sugli spalti (ben 3000 abbonati sono rimasti a casa, qualcuno ha addirittura strappato il carnet postando la foto sui social), dall’altro un centinaio tra ultras, club organizzati e singoli tifosi che hanno perseguito la strada della protesta restando all’esterno. “Liberate la curva Sud” e “Lotito vattene” due degli slogan di giornata, segnale evidente di una spaccatura tra i vari gruppi ultras che, si spera, possa essere ricucita a breve per il bene della Salernitana e per non celebrare il centenario tra inimicizie e frecciatine. La Nuova Guardia, il Salerno Club e il Mai Sola erano presenti: alla fine è stato importante anche il loro sostegno. Non sono entrati UMS, CCSC (il presidente Santoro ha assicurato di non essere stato invitato alla riunione romana), Q4, Amici della Salernitana e Fatima Granata, mentre in tribuna c’erano Andrea La Padula direttamente da Modena assieme alla moglie e un tifoso addirittura giunto dall’America.

Ad ogni modo appena mille persone in più hanno presenziato rispetto alla gara col Venezia, uno dei dati più bassi della storia in B per i colori granata. Non c’erano nemmeno Lotito e Mezzaroma: la presenza di almeno uno dei due avrebbe dato un seguito all’incontro dell’altro ieri, invece si è acuito il malcontento da parte di chi, legittimamente, sperava in una maggiore presenza sul territorio. Naturalmente prosegue la linea del silenzio stampa: dopo una bella vittoria sarebbe stato bello ascoltare i motivi di questo flop, i contenuti del confronto e, soprattutto, i programmi futuri.

Altre News