Le ultimissime su Micai: importanti aggiornamenti. Colantuono ha rinnovato: la riflessione e l’arma a doppio taglio…

Le ultimissime su Micai: importanti aggiornamenti. Colantuono ha rinnovato: la riflessione e l’arma a doppio taglio…

Tutto su Alessandro Micai. Come detto in tempi non sospetti, la Salernitana aveva percepito le difficoltà ad arrivare a Boris Radunovic e si era cautelata permettendo al tecnico Stefano Colantuono di contattare in prima persona il suo titolare ai tempi del Bari per provare a capire se avesse già trovato accordi con altri club o

Tutto su Alessandro Micai. Come detto in tempi non sospetti, la Salernitana aveva percepito le difficoltà ad arrivare a Boris Radunovic e si era cautelata permettendo al tecnico Stefano Colantuono di contattare in prima persona il suo titolare ai tempi del Bari per provare a capire se avesse già trovato accordi con altri club o se Salerno potesse essere destinazione gradita. E il gradimento del pipelet mantovano è stato totale: Micai ha chiesto quali fossero gli obiettivi, con quale modulo avrebbe giocato la Salernitana e in quanto tempo si sarebbe potuta sviluppare la trattativa, un ok praticamente immediato al quale non è seguita la firma perchè la società ha preso tempo. La situazione al momento è questa: la dirigenza è furiosa con Radunovic, ma l’offerta economica presentata all’oramai ex estremo difensore del Bari è ritenuta troppo bassa. Micai a Bari guadagnava circa 200mila euro netti a stagione, si “accontenterebbe” anche di 170-180mila euro con promessa di triennale più bonus e la Salernitana, per ora, non ha superato i 130mila euro. Una distanza importante, ma non incolmabile, a patto però che non si perda ulteriore tempo favorendo indirettamente la folta concorrenza. Micai piace alla solita Crmeonese, ma anche ad altre 3-4 squadre cadette (addirittura c’è stato un sondaggio in A della Spal, laddove però sarebbe dodicesimo). L’alternativa è rappresentata da Iacobucci (ingaggio decisamente più abbordabile), al momento non risultano contatti concreti nè con Frattali, nè con altri portieri accostati ai granata, ma mai trattati.

Intanto altre tre novità di giornata. Perticone, smaltita la sindrome influenzale, domani svolgerà le visite mediche pare direttamente a Rivisondoli e firmerà un biennale. L’addio di Altobelli (va a Terni) lascia intendere che è fatta per Konè. Colantuono ha rinnovato il contratto fino a giugno del 2020. In merito propongo una riflessione: da un lato fa sicuramente piacere che si provi ad aprire un ciclo con un mister dopo le meteore Sanderra e Gregucci, le “fughe” di Perrone, gli orrori di Menichini (e ce ne sono stati tanti: nel primo anno ha guidato una Ferrari, nel secondo si è salvato affrontando ai play out una squadra fallita) e la conferenza di un Somma furibondo. Va detto, però, che il contratto originario scadeva nel 2019 con rinnovo automatico in caso di promozione in serie A. Va da sè che avendo già rinnovato la clausola non esista più: semplice formalità per dimostrare fiducia a prescindere o allungamento dei tempi per lottare per qualcosa di importante?

FONTE FOTO INTERNET

 

Altre News