Mezzaroma: “Grazie ai 6mila. Serie A? Regola da cambiare”

Mezzaroma: “Grazie ai 6mila. Serie A? Regola da cambiare”

Non ha voluto parlare della scelta di indire il silenzio stampa per diverse settimane, ha invitato i giornalisti a non interpretare il suo stato d’animo e a basarsi esclusivamente sulle sue risposte. Marco Mezzaroma torna a parlare dopo un po’ di tempo e ha commentato così la partita soffermandosi anche sulle iniziative future e sull’articolo

Non ha voluto parlare della scelta di indire il silenzio stampa per diverse settimane, ha invitato i giornalisti a non interpretare il suo stato d’animo e a basarsi esclusivamente sulle sue risposte. Marco Mezzaroma torna a parlare dopo un po’ di tempo e ha commentato così la partita soffermandosi anche sulle iniziative future e sull’articolo 16 bis delle Noif: “I ragazzi si stanno impegnando al massimo, siamo soddisfatti della prestazione e della vittoria. Questa squadra, paradossalmente, ha fatto più fatica in casa perché ha una voglia incredibile di far gioire una tifoseria che va soltanto ringraziata a prescindere dalle presenze. Non mi sentirete mai parlare male degli assenti, ognuno è libero di fare come vuole. Il mio pensiero va ai seimila che ci hanno incoraggiato e che hanno deciso di trascorrere la serata al fianco della Salernitana. Non ha senso guardare ora la classifica, forse ci manca qualche punto. Le nostre ambizioni non le abbiamo mai nascoste, sono anche convinto che la regola sulla multiproprietà debba essere meno rigida perchè estendere i divieti fino al quarto grado di parentela mi sembra una forzatura non necessaria. E’ la Federazione a dover decidere, non la Lega: per quanto mi riguarda abbiamo già chiesto alle autorità competenti di affrontare il discorso, siamo a cospetto di persone intelligenti che sapranno valutare tutto con estrema attenzione. Centenario? Proprio oggi ho parlato con l’assessore allo sport Caramanno, ci sentiamo con frequenza. Sicuramente faremo qualcosa e apprezzeremo anche chi deciderà di mettere in campo iniziative scollegate rispetto alle nostre: è la festa della Salernitana, ci teniamo e stiamo lavorando sotto traccia con l’obiettivo di presentare tutto alla città quando avremo definito i dettagli. Non dimentico nemmeno la promessa dell’amichevole gratuita per gli abbonati, tutto ovviamente deve essere compatibile con le esigenze dello staff tecnico”.

Altre News