Gregucci flop, per il mister decisiva col Crotone

Gregucci flop, per il mister decisiva col Crotone

E’ già finito l’effetto Gregucci. Dopo una partenza incoraggiante e tre risultati positivi nelle prime quattro gare in una situazione di emergenza, la sua Salernitana si è inceppata e non sta facendo meglio, numeri alla mano, del suo predecessore. Sicuramente penalizzato dal mercato invernale e dagli infortuni a catena, il trainer pugliese sembra abbia perso

E’ già finito l’effetto Gregucci. Dopo una partenza incoraggiante e tre risultati positivi nelle prime quattro gare in una situazione di emergenza, la sua Salernitana si è inceppata e non sta facendo meglio, numeri alla mano, del suo predecessore. Sicuramente penalizzato dal mercato invernale e dagli infortuni a catena, il trainer pugliese sembra abbia perso anche quella tradizionale carica agonistica che gli aveva consentito di conquistare la stima dei tifosi pur non avendo mai fatto cose straordinarie nelle sue precedenti esperienze. Dal mancato impiego di Migliorini col Pescara alla sostituzione di Jallow a Verona passando per la formazione di oggi e in particolare il secondo tempo, senza dimenticare la scelta di schierare Akpro contro il Lecce pur sapendo che l’ivoriano non fosse in condizione. Ad oggi la Salernitana è una squadra tremendamente discontinua, altalenante, talvolta troppo brutta per essere vera e che continua a faticare quando deve costruire gioco. La società ha rinnovato massima fiducia all’allenatore (che ha un contratto anche per l’anno prossimo), ma già post Verona alcune situazioni avevano fatto storcere il naso. La panchina non è più solidissima pur mancando appena undici giornate, se anche col Crotone dovesse arrivare un passo falso potrebbe esserci una seria riflessione.

Altre News