Mezzaroma: “Inutile promettere la A. Bomber da 20 gol? Ma l’esperienza Bari non insegna nulla?

Mezzaroma: “Inutile promettere la A. Bomber da 20 gol? Ma l’esperienza Bari non insegna nulla?

La redazione de “IlFerraiuolo.it” ha avuto il piacere di confrontarsi con il presidente della Salernitana Marco Mezzaroma che, insieme al direttore sportivo Angelo Fabiani, ha assistito all’amichevole in famiglia giocata oggi pomeriggio a Rivisondoli. Tanti i temi trattati, con il patron apparso abbastanza infastidito per la pressante richiesta della piazza di acquistare un bomber con

La redazione de “IlFerraiuolo.it” ha avuto il piacere di confrontarsi con il presidente della Salernitana Marco Mezzaroma che, insieme al direttore sportivo Angelo Fabiani, ha assistito all’amichevole in famiglia giocata oggi pomeriggio a Rivisondoli. Tanti i temi trattati, con il patron apparso abbastanza infastidito per la pressante richiesta della piazza di acquistare un bomber con un importante curriculum alle spalle. Ecco una parte del confronto con Mezzaroma:

Presidente, prime impressioni dopo la prima amichevole…

“Parliamo di una sgambatura di 40 minuti, è tutto assolutamente prematuro. Certamente posso dire che ho visto un gruppo unito, che segue l’allenatore. Di buona qualità, come molti addetti ai lavori stanno riconoscendo in queste ore. Interverremo laddove lo riteniamo necessario restando sempre nei parametri, siamo soddisfatti di quello che stiamo facendo e anche l’allenatore mi sembra fiducioso”

Sappiamo che Jallow e Radunovic sono virtualmente granata…

“Stiamo lavorando per portare a termine le operazioni che servono per mettere a disposizione dell’allenatore una rosa quanto più valida possibile. Radunovic è stato con noi già l’anno scorso ed è cresciuto tanto, Jallow è un attaccante giovane che può dare grandi soddisfazioni. Mi sembra che possa permettere al reparto offensivo di fare un salto di qualità non indifferente”

Eppure la gente si aspetta il “colpo”…

“Cosa intendete per colpo? Se pensate che valga il concetto del “più spendi, più vinci” siete fuori strada. Anche gli organi di informazione dovrebbero veicolare un messaggio diverso e capire che tempi stiamo vivendo. Noi non prendiamo tanto per prendere, ma interveniamo laddove è opportuno. Colantuono è contento di quello che stiamo facendo, secondo me siamo abbastanza completi in tutti i reparti. Secondo lei cosa manca?”

Un difensore centrale forte e un bomber da 20 gol. Anche Djuric non sarebbe male…

“Parlate di bomber da 20 gol e di Djuric, quanti gol ha fatto negli ultimi anni? Noi siamo persone serie, sappiamo come fare e abbiamo la responsabilità di portare avanti la società cercando anzitutto una stabilità economica. Che significa attaccante da doppia cifra? C’era Donnarumma a Salerno: ora lo rimpiangono, non mi sembra che nei due anni che ha fatto con noi sia stato trattato benissimo da una parte dell’ambiente. Questi ragionamenti non li capisco e non mi piacciono: ma sapete quanto viene a costare un attaccante che abbia il curriculum che piace alla gente? Si parla di milioni di euro. Poi le società falliscono e la gente si lamenta. Cercate di far capire anzitutto voi della stampa quante cose stanno succedendo e in che direzione stia andando il calcio”

Presidente, però club neopromossi o senza paracadute stanno trattando anche giocatori di categoria superiore e non nascondono le ambizioni di andare in A. Voi, nella categorie inferiori, quando avete dichiarato di voler vincere lo avete fatto a mani basse. Perchè da tre anni non avviene?

“Non capisco perchè tutti siete fissati con la parola “obiettivi”. Se dichiarassi che puntiamo alla serie A cosa cambierebbe? Ok, lo dico: l’obiettivo è la Champions. Facciamo un ragionamento serio: stiamo allestendo una rosa a detta di tutti competitiva, interverremo ancora laddove lo si ritenesse necessario in linea con i nostri parametri. Fare promesse significherebbe prendere in giro la gente perchè per andare in A devono entrare in gioco una serie di fattori che non rientrano soltanto nelle mie facoltà. Gli altri possono dire quello che vogliono, buon per loro. Anche il Bari voleva andare in serie A, però poi mi sembra abbia incontrato qualche difficoltà”

Però se si investe tanto e poi si va in A, in una piazza come Salerno gli introiti sarebbero importanti e si coprirebbero immediatamente le spese…

“Anche a Bari facevano lo stesso ragionamento, poi non sono andati in A per tanti motivi. E cosa è successo? Le società devono anzitutto avere un futuro stabile sul piano economico”

I fatti dicono, però, che l’Arechi l’anno scorso è stato vuoto per mesi e che sono stati venduti 250 abbonamenti.Nemmeno in C1 si andava così male…

“Questa cosa mi può dispiacere, ma ne prendo atto. Credo che siamo venuti incontro alle esigenze delle persone abbassando notevolmente il costo degli abbonamenti, più di così davvero non potevamo fare. Come società ci stiamo muovendo per il meglio e l’allenatore è contento della rosa che allena, sta alla gente ripagare i nostri sforzi perchè remando nella stessa direzione si possono ottenere risultati importanti”

Quanto dà fastidio pensare che il calcio di oggi vieta a Mezzaroma di essere presidente in serie A perchè parente di Lotito mentre si dà spazio a società con proprietari che non pagano gli stipendi o pagano a nero?

“Ora che sono in Federazione sto capendo tante cose, c’è un sistema che non funziona e ci sono molte cose che devono essere riviste. Altrimenti ogni estate assisteremo a situazioni come quella di quest’anno. Abbiamo anzitutto chiesto il blocco dei ripescaggi, vedremo se la richiesta sarà accolta. Dopodiché ci sono delle normative che potrebbero essere cambiate, ma non dipende esclusivamente da noi perchè c’è una Federazione che decide”

La società Salernitana è in vendita? Ci sono persone che sui social si dicono pronte a trattare con lei qualora foste interessati…

“Dove lo dicono? Su facebook? Già questo dice tutto. Parliamo di cose serie e concrete. La verità è che noi stiamo facendo investimenti da 7 anni e stiamo allestendo una buona rosa. Non è poco in un’epoca in cui tanti club purtroppo falliscono. La gente non sta sottoscrivendo gli abbonamenti, ma faccio una riflessione: immaginate cosa stanno passando in altre città, con il calcio che è sparito. Basterebbe questo per invogliarli a recarsi al botteghino. I tifosi della Salernitana, tra un mese, vedranno la loro squadra in serie B per il quarto anno di fila”.

 

Altre News