Primi sediolini, prime polemiche

Primi sediolini, prime polemiche

Neanche il tempo di istallare i primi sediolini in tribuna azzurra per dare ufficialmente il via ai lavori di restyling dell’Arechi che sul web si alza il polverone delle polemiche. Da un lato chi rimarca la necessità di lasciare libero l’anello inferiore della curva Sud (ma le regole vigenti sono diverse e bisogna rispettarle), dall’altro

Neanche il tempo di istallare i primi sediolini in tribuna azzurra per dare ufficialmente il via ai lavori di restyling dell’Arechi che sul web si alza il polverone delle polemiche. Da un lato chi rimarca la necessità di lasciare libero l’anello inferiore della curva Sud (ma le regole vigenti sono diverse e bisogna rispettarle), dall’altro chi posta la foto su facebook scrivendo che “i sediolini sono rossi e non granata”. Ne è nato un dibattito piuttosto acceso, con l’amministrazione comunale che ha chiarito che il colore è stato indicato dalla società. “Aspettiamo maggio, stiamo lavorando per avere uno stadio di altissimo livello. Domani seguiremo lo svolgimento dei lavori per fare il punto della situazione, ma credo che bisogna evitare queste continue polemiche. Pensiamo a preservarlo nel migliore dei modi, piuttosto” la risposta dell’assessore allo sport Angelo Caramanno che, anche in televisione, ha detto che saranno istallati 38mila sediolini granata con una scritta gigante riportante il nome di Salerno, una sala stampa nuova di zecca, un nuovo impianto audio e l’adeguamento a ogni sorta di normativa che permetterà alla città di ospitare eventi di caratura internazionale. Ora tocca ai salernitani, una volta tanto, non dividersi per un cavillo. “Sono rosa, a questo punto facciamo giocare il Palermo all’Arechi” ironizza qualcuno dimenticando, però, che a maggio la torcida granata potrà ammirare uno degli stadio più belli, confortevoli e rinnovati d’Italia. Aspettare la fine dei lavori prima di giudicare è così difficile?

Altre News