Salvini, no al Foggia: “Non si paga in…nero!”. Cambia format Champions, i rossoneri chiedono il +20

Salvini, no al Foggia: “Non si paga in…nero!”. Cambia format Champions, i rossoneri chiedono il +20

Non si placano le polemiche dopo la scelta del Collegio di Garanzia del CONI di rigettare il ricorso del Foggia. Dalla richiesta di radiazione eterna al contentino del -6, eppure i legali pugliesi erano convinti di ottenere uno sconto ulteriore e di poter partecipare agli spareggi promozione. In fondo  presidenti indagati, pagamenti illeciti e rapporti

Non si placano le polemiche dopo la scelta del Collegio di Garanzia del CONI di rigettare il ricorso del Foggia. Dalla richiesta di radiazione eterna al contentino del -6, eppure i legali pugliesi erano convinti di ottenere uno sconto ulteriore e di poter partecipare agli spareggi promozione. In fondo  presidenti indagati, pagamenti illeciti e rapporti con la criminalità organizzata sono cose di tutti i giorni, non si capisce davvero come mai ci sia stato questo accanimento. Sicuramente è colpa di Lotito se Grassadonia batte il record di quattro retrocessioni in tre campionati ese Leali con la Cremonese apre le gambe da far invidia a Cicciolina e becca un gol degno della Gialappas; bene ha fatto il Sindaco ad organizzare i pullman per andare in massa a Roma (del resto le macchine erano state incendiate e non c’era altro mezzo a disposizione), tempestivo anche l’intervento della politica e dei cinque stelle che, coerentemente con il loro modo di agire, stanno appoggiando moralmente chi ha barato proponendo il “Reddito di Inclusione:”: in pratica incluse in un unico girone Venezia, Palermo, Salernitana e Foggia, con la possibilità per i rossoneri di ricorrere al TAR, al Consiglio di Stato e al Vaticano per chiedere di partire 2-0 e in 14 contro 11. Solo Salvini, tra i politici, ha mostrato scetticismo: “Non si paga in…NERO. Aiuto la Salernitana perché tra i dirigenti ha BIANCHI”, frase che ha spinto il Foggia a ricorrere alla Corte dei Conti e al Parlamento Europeo.

La notizia, però, è che il Foggia abbia chiesto la riammissione in serie A. Al momento della pronuncia dei giudici, infatti, non è stato tenuto conto del cambio del format della prossima Champions League, colpa di Lotito che comanda il calcio italiano e ha disorientato anche i vertici della FIFA. Lo Zaccheria ha riaperto i battenti per permettere a tutti di manifestare lo sdegno verso la grave ingiustizia di ieri, la splendida coreografia “FOGGLA” ha fatto rapidamente il giro del web. “Quest’esclusione mi…brucia” ha detto Iemmello, mai verbo più azzeccato per chi è costretto a recarsi in treno agli allenamenti. “E’ tutto un disegno per favorire la Salernitana, capovolgendo la classifica saremmo terzi e ci spetterebbero di diritto gli spareggi promozione” aggiunge il presidente Fares, fiducioso che il 23 maggio la giustizia italiana capovolga quanto legittimamente stabilito dalla Lega B predisponendo la disputa dei play out. Avesse la Salernitana una squadra degna sarebbe davvero bello batterli sul campo e mettere tutto a tacere. Ma una volta tanto che la fortuna sorride ai colori granata ben venga. Proprio per questo contratto a vita per Leonardo Menichini, uno di quelli che rientra nell’ampia casistica dei “generali scarsi, ma fortunati”. Con astuzia tattica, acume, intelligenza e strategia è riuscito a perdere 2-0 a Pescara, ma aver mantenuto la gara sullo 0-0 fino al 75′ ha portato il Verona ad impegnarsi di più e a battere il Foggia. Lui sapeva tutto, va riconfermato a vita. La sua CUL…tura calcistica può fare la differenza.

Altre News