Settore giovanile, fine settimana da dimenticare: sia cardine del progetto futuro

Settore giovanile, fine settimana da dimenticare: sia cardine del progetto futuro

Altro, ennesimo fine settimana da dimenticare per i ragazzi del settore giovanile granata. Fatta eccezione per la Primavera, che ha conquistato il secondo pareggio consecutivo in trasferta, si registrano risultati molto negativi anche nelle proporzioni: gli Under16, tanto per fare un esempio, ne hanno beccati sette a Roma, ko anche tutte le altre categorie per

Altro, ennesimo fine settimana da dimenticare per i ragazzi del settore giovanile granata. Fatta eccezione per la Primavera, che ha conquistato il secondo pareggio consecutivo in trasferta, si registrano risultati molto negativi anche nelle proporzioni: gli Under16, tanto per fare un esempio, ne hanno beccati sette a Roma, ko anche tutte le altre categorie per buona pace di una società ben felice di partecipare al torneo di Viareggio,ma consapevole che bisogna migliorare davvero tanto sotto questo punto di vista. Il responsabile Alberto Mariani di recente si è espresso così: “Mi dispiace tanto che ci siano voci molto negative e spesso infondate sul nostro settore giovanile. C’è addirittura chi pensa che gli allievi paghino per giocare, sinceramente queste illazioni non aiutano a crescere. Dobbiamo fare in modo che, nel futuro più immediato, i calciatori scelgano la Salernitana e non altre realtà al momento più avanti. Sappiamo che la strada è in salita, ma lavoriamo 24 ore su 24 senza trascurare alcun dettaglio e con la volontà precisa di accettare la critica costruttiva. L’anno scorso hanno esordito in prima squadra Gaeta e Novella, altri tre ragazzi sono stati convocati e hanno letto il proprio nome dietro le magliette granata. Non sono cose che vanno sottovalutate, ha ragione Mezzaroma quando dice che è dai vivai che passa il futuro di una grande società”. Ancora troppo poco, è evidente. Sicuramente la realizzazione di una struttura come il Mary Rosi agevolerà il compito è l’idea è quella di aumentare i confronti tra la prima squadra e i granatini. Che l’anno prossimo possano esserci cambi anche in panchina? E’ ancora presto per dirlo, ma da questo punto di vista si aspetta con ansia una svolta.

Altre News