UFFICIALE: firma Gigliotti, triennale. La scheda del nuovo difensore granata

UFFICIALE: firma Gigliotti, triennale. La scheda del nuovo difensore granata

Mancava soltanto l’ufficialità, ora è arrivata anche quella: l’U.S. Salernitana comunica di aver raggiunto l’accordo con l’Ascoli Picchio F.C. 1898 per il trasferimento a titolo definitivo del difensore classe ’89 Guillaume Gigliotti. Il calciatore ha firmato con il club granata un contratto fino al 2021 e sarà a disposizione di Colantuono sin da oggi per

Mancava soltanto l’ufficialità, ora è arrivata anche quella: l’U.S. Salernitana comunica di aver raggiunto l’accordo con l’Ascoli Picchio F.C. 1898 per il trasferimento a titolo definitivo del difensore classe ’89 Guillaume Gigliotti. Il calciatore ha firmato con il club granata un contratto fino al 2021 e sarà a disposizione di Colantuono sin da oggi per lavorare regolarmente durante il ritiro di Rivisondoli. L’operazione Orlando, dunque, è parallela e non si può parlare di uno scambio. Tornando al nuovo difensore granata, il suo curriculum è di tutto rispetto: in passato ha vestito le maglie di Novara, Foggia ed Empoli collezionando 212 presenze tra i professionisti condite anche da una ventina di gol e qualche assist importante. Per caratteristiche è l’elemento perfetto per Colantuono, essendo un centrale abituato a giocare in una linea a tre, ma che può adattarsi anche sulla corsia esterna di sinistra sia nel 3-5-2, sia nel 3-4-1-2, sia con una difesa a quattro. Non altissimo (184 centimetri), ma ben messo fisicamente, Gigliotti è stato acquistato anche per la sua capacità di segnare un discreto numero di gol a stagione, merito di un buon tiro dalla distanza e delle qualità balistiche su palla inattiva. A Foggia, nell’anno in cui la Salernitana vinse il campionato, realizzò cinque reti con punizioni dai 20-25 metri, una peculiarità che spinse mister De Zerbi a cucirgli addosso una maglia da titolare per tutto l’arco della stagione. Ad Ascoli, sia con Maresca sia con Cosmi, ha giocato tanto e anche abbastanza bene (38 gare su 42), crescendo tantissimo nel girone di ritorno. L’unica partita sbagliata, ironia della sorte, proprio contro la Salernitana, in un pomeriggio complessivamente storto per tutti i compagni di squadra e che sembrava aver condannato il Picchio alla retrocessione. Non a caso i giornali marchigiani gli diedero un pesante 3 in pagella evidenziando gli errori in marcatura su Bocalon e Casasola in occasione delle tre reti degli ospiti. Da quel momento in poi, però, Gigliotti ha giganteggiato al centro del reparto guadagnando voti dal 6,5 in poi nei difficili test con Frosinone, Bari e Palermo e nei successivi spareggi salvezza. Gli addetti ai lavori lo descrivono come un giocatore arcigno nella marcatura, dotato di grande personalità, non rapidissimo, ma prestante sulla fascia. Il suo arrivo fa da preludio alla partenza di Popescu che, tra l’altro, non è nemmeno stato convocato per il ritiro. Dopo Akpro, Mazzarani, Castiglia, Altobelli, Palumbo e Volpicelli, dunque, arriva un’altra ufficialità.

FOTO TRATTA DAL SITO UFFICIALE DELLA SALERNITANA, SCATTO DI NICOLA IANUALE

Altre News